Abate Philippe

Tra l’affollata schiera dei nemici di Petra, è l’antagonista per eccellenza. Egli rappresenta l’ostinata chiusura mentale di un certo clero del tempo. Tutto preso dalle sue ossessioni, divorato dalla paura del demonio e più in generale dell’ignoto, riversa su Petra la sua incapacità di comprendere e accettare benevolmente i misteri della Natura. Arrogante e presuntuoso, pieno di sé e sicuro di essere sempre nel giusto, infligge pene e sofferenze atroci in nome di una Giustizia divina che in realtà prevarica o quanto meno distorce o ignora.
Per questo motivo viene giustiziato da Gemma secondo la legge del contrappasso.